• Wines & Spirits

Al Monteverro 2018 i Tre Bicchieri di Gambero Rosso

Al vino di punta della cantina di Capalbio viene assegnato il giudizio più alto da parte di Gambero Rosso

Il Monteverro 2018 si aggiufica i Tre Bicchieri: al vino di punta della cantina di Capalbio viene assegnato il giudizio più alto da parte di Gambero Rosso. Un taglio bordolese classico - 40% Cabernet Sauvignon, 40% Cabernet Franc, 15% Merlot, 5% Petit Verdot - per questo rosso che ha profonde radici nella Toscana del sud. Da sempre il Monteverro è il fiore all’occhiello della Cantina gioiello sulla Costa d’argento, un vino ambizioso le cui uve provengono esclusivamente dagli appezzamenti migliori, affina circa 24 mesi in barrique dei migliori tonnelier (70-80% di legno nuovo) e poi fa due anni in bottiglia. È così che raggiunge un’intensità e una complessità incomparabili, una freschezza e un’eleganza di rara nobiltà. L’incredibile varietà del suo bouquet dalle note fruttate e speziate si arricchisce di anno in anno.

Attualmente sono poco più di 15mila le bottiglie prodotte (15277) e anche alcuni formati importanti (445 magnum, 120 3l, 50 6l, 5 bottiglie da 9l). L’annata 2018 porta con sé un ricco bagaglio di elementi. “Dopo una stagione 2017 molto secca, abbiamo avuto un inverno abbastanza piovoso che ha aiutato i nostri terreni a riempire le scorte d'acqua e ha dato sollievo alla natura e alla biodiversità dopo questo periodo stressante”, spiega Matthieau Taunay, enologo di Monteverro. “La primavera inoltre è stata umida e ha portato ad un'intensa pressione di malattie crittogamiche come la peronospora. Monteverro sta lavorando da parecchio tempo con metodi biologici e questo periodo è stato una bella sfida. Abbiamo capito ancora meglio quanto sia importante avere un vigneto in equilibrio con il suo ambiente che aiuti le piante a resistere da sole”. Il resto della stagione 2018 si è poi rivelato più sereno e anche abbastanza caldo a luglio: ma la data di vendemmia non è stata precoce come nel 2017. “Per questo”, conclude l’enologo, “abbiamo deciso di raccogliere il Merlot a fine agosto ed il nostro Cabernet nella seconda metà di Settembre con, come risultato, un intenso carattere fruttato”.

Abbonati a Luxury & Finance per continuare a leggere l'articolo
Banner-Adv
Banner-Adv