• Beauty

Cosmoprof Asia Digital Week si chiude con 8953 visitatori registrati in piattaforma

Calzolari, Asia-Pacifica mercato chiave per industria bellezza

Si è conclusa la prima edizione di Cosmoprof Asia Digital Week, dedicata ad aziende e operatori di tutto il mondo alla ricerca di nuove soluzioni di business nella regione dell'Asia-Pacifico. In tutto     
652 espositori provenienti da 19 paesi e regioni hanno partecipato all'evento, con 227 aziende che hanno preso parte a Cosmoprof Asia per la prima volta. Grazie all'impegno delle associazioni internazionali e dei governi a sostegno dell'industria della bellezza, 15 padiglioni di Paesi e gruppi provenienti da Cina, Grecia, Italia, Corea, Polonia, Spagna, Svizzera e Regno Unito hanno partecipato alla Digital Week. La prima edizione di Cosmoprof Asia Digital Week ha ottenuto il sostegno di InvestHK, l'Hong Kong SAR Government department responsabile per gli investimenti diretti esteri, e di The Cosmetic & Perfumery Association of Hong Kong. Registrati in piattaforma 8.953 visitatori provenienti da 115 paesi. Sia gli espositori sia i visitatori hanno riportato interazioni fortemente positive, con 3.568 incontri b2b e 31.009 collegamenti in live chat attraverso il software Match & Meet di Cosmoprof Asia. 

"Cosmoprof Asia Digital Week è stata una proficua opportunità per i nostri espositori e operatori internazionali", ha dichiarato Gianpiero Calzolari, presidente del Gruppo BolognaFiere. "La regione Asia-Pacifico è ancora un mercato chiave per l'industria della bellezza e sarà una delle prime aree a riprendersi nei prossimi mesi. È quindi importante - ha detto - per i nostri espositori e operatori mantenere una forte interazione con gli stakeholder locali, e grazie alla Digital Week la nostra comunità internazionale potrà condividere aggiornamenti e progetti specifici per i consumatori dell'Apac". "Siamo lieti dei risultati estremamente positivi di questa prima edizione di Cosmoprof Asia Digital Week", ha dichiarato David Bondi, Senior Vice President - Asia of Informa Markets e Direttore di Cosmoprof Asia Ltd. "Siamo lieti dei risultati estremamente positivi di questa prima edizione di Cosmoprof Asia Digital Wee, che ha dimostrato che acquirenti e venditori sono desiderosi di connessione e commercio attraverso un evento online di alta qualità, creando al contempo una solida base per i futuri eventi che combinano il commercio fisico e quello online. Non vediamo l'ora che arrivi il 2021, sapendo che qualsiasi cosa porterà, saremo in grado di continuare a riunire nuovamente il settore".  

"Abbiamo avuto un totale di 61 contatti in sette giorni,una dimostrazione di efficienza dal momento che ci è stata data la possibilità di conoscere in anticipo il potenziale partner prima di confermare l'incontro". Unoi strumento dunque "molto più efficiente in termini di tempo e di costi rispetto alla tradizionale mostra offline" ha raccontato Avril Han, manager di The Beautiful Factr., Corea. "Abbiamo avuto un ottimo risultato da questo evento online. Sono stati realizzati 60 incontri in cinque giorni con acquirenti di altissima qualità. L'applicazione della piattaforma Match & Meet è facile da gestire rispetto ad altre. Abbiamo consigliato questa Digital Week ai nostri clienti e siamo pronti a partecipare alla prossima edizione" aggiunge Wendy Zhang, Marketing Manager di Yally Cosmetics Industrial (Huizhou). "Per noi è stata un'esperienza molto proficua e interessante rispetto alle solite fiere. Non solo per una questione di costi, ma perché ci ha permesso di trovare nuovi contatti, e soprattutto di essere trovati. La piattaforma ha funzionato bene e l'ho trovata facile e intuitiva. La ricerca dei contatti è stata facile e assolutamente efficace" precisa Daniele Fenice, co-fondatore di Nume-Lab, Svizzera. Cosmoprof Asia Digital Week ha attirato circa 9.000 buyer, la maggior parte dei quali si sono uniti alla fiera online da Cina, Filippine, USA, Corea del Sud e Taiwan, a conferma della natura globale della manifestazione. Prossimo appuntamento a Hong Kong a novembre 2021.

Abbonati a Luxury & Finance per continuare a leggere l'articolo