• Nautical

Ricavi stabili per Sanlorenzo nel 2020 a 457,7 mln di euro, Ebitda +6,5%. E il titolo chiude in rialzo dello 0,73%

Perotti, guardiamo con fiducia al 2021

Accelerano sul finale le azioni Sanlorenzo a Piazza Affari per chiudere in progresso dello 0,73% a 20,75 euro, in una seduta che ha visto il titolo scivolare in rosso e rimontare negli ultimi tre quarti d'ora di contrattazioni. Alto il volume degli scambi con 46.665 pezzi passati di mano. Oggi il campione della nautica ha presentato i conti del 2020: i ricavi relativi alla vendita di nuovi yacht hanno raggiunto i 457,7 milioni di euro, in crescita dello 0,4% rispetto a 455,9 milioni al 31 dicembre 2019, confermando l’outlook per l’esercizio. Nel quarto trimestre, i ricavi sono stati pari a 135,1 milioni di euro, in crescita del 10,4%. In rialzo il giro d'affari della divisione Yacht (+1%) e Blugame (+82,3%), mentre la divisione superyacth cede il 9,5%. Rispetto alle geografie, in flessione l'Europa (-16,3% a 234,1 mln), Apac (+42,02% a 103,7 mln), Americhe (+15,4% a 82,8 mln), M.O e Africa (+17,5% a 37,1 mln).L’Ebitda rettificato dell’esercizio 2020 è pari a 70,6 milioni di euro, in crescita del 6,5% rispetto a 66 milioni nel 2019. L’incidenza sui ricavi risulta in aumento da 14,5% nel 2019 a 15,4% nel 2020, superiore all’outlook. L’Ebitda, comprensivo delle componenti non ricorrenti, ammonta a 69,2 milioni di euro, mostrando un aumento del 15,5% rispetto a 60 milioni di nel 2019. Gli investimenti effettuati nel corso dell’esercizio ammontano a 30,8 milioni di euro, rispetto a 51,4 milioni nel 2019. Al 31 dicembre 2020, il Gruppo ha registrato una posizione finanziaria netta pari a 3,8 milioni di euro. 

"I risultati del 2020, oltre le stime in un contesto estremamente complesso, sono l’ennesima prova dell’efficacia e della resilienza del modello di business di Sanlorenzo e della forza del brand; non solo la tenuta dei ricavi, ma anche e soprattutto il significativo incremento della marginalità operativa. Da sottolineare la sostanziale tenuta del portafoglio ordini a 408,8 milioni di euro in considerazione delle oggettive difficoltà negli spostamenti e della cancellazione di tutti i saloni nautici nel mondo, salvo quelli di Genova e Fort Lauderdale. La solidità del backlog è rappresentata dalla vendita a clienti finali per oltre il 94%. Ulteriore elemento rassicurante anche in prospettiva è la forte accelerazione nella raccolta ordini registrata nell’ultimo trimestre. Questa, unita alla positiva dinamica del mercato e al successo riscontrato dai quattro nuovi modelli lanciati come da programma nel corso dell’anno, ci permette di guardare con fiducia al 2021" ha commentato Massimo Perotti (nella foto), presidente esecutivo della società.

Abbonati a Luxury & Finance per continuare a leggere l'articolo