• Fashion

Al via Milano Unica, prima fiera in presenza in Italia post lockdown

Barberis Canonico, forte messaggio di ripartenza, coesione e unità

Milano Unica, fiera del tessile e degli accessori alto di gamma, ha aperto oggi a Fieramilano Rho. E' la prima in assoluto in presenza tra la kermesse dedicate alla manifattura in Italia. Alla 31esima edizione partecipano 207 aziende espositrici, di cui 171 italiane e 36 straniere. Guardando ai distretti, presenti 34 espositori pratesi, 29 comaschi, 27 biellesi e vercellesi, 19 varesini, 9 milanesi, 9 bergamaschi e 7 modenesi, mentre le presenze straniere sono guidate da: 10 francesi, 9 portoghesi e 5 inglesi. Un comparto che conta 118mila addetti e genera circa 8 miliardi di fatturato. Alla cerimonia di inaugurazione sono intervenuti: Alessandro Barberis Canonico, presidente di Milano Unica; Marino Vago, presidente di Sistema Moda Italia; Cirillo Marcolin, presidente di Confindustria Moda; Carlo Maria Ferro, presidente di Ice Agenzia; Luigi Di Maio, ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale. "In questo momento è fondamentale dare un messaggio forte di ripartenza, coesione e continuità. Sono quindi orgoglioso che Milano Unica sia il primo Salone in assoluto del sistema moda e della manifattura che apre fisicamente le porte in Italia" ha detto Barberis Canonico. Intanto è stato lanciato il marketplace e-MilanoUnica Connect, grazie anche al rafforzamento della partnership di sistema con Pitti Immagine, che ha messo a disposizione l'esperienza del suo nuovo modello omnicanale. Tra le novità lo showroom virtuale, con livelli di accessibilità differenziati. I buyer potranno richiedere agli espositori l’accesso alla parte riservata del catalogo, consultare i prodotti, salvare quelli di loro interesse e richiederne una campionatura. “Milano Unica, fra i primi eventi fisici della ripresa, è un forte segnale della ripartenza del sistema fieristico, funzionale al riposizionamento delle nostre imprese nel commercio internazionale”  afferma Carlo Maria Ferro, presidente di Ice Agenzia, evidenziando che "oggi i mercati globali impongono un nuovo paradigma fatto di innovazione, digitale e sostenibilità, tutti punti di forza della nostra industria della moda. ICE Agenzia è a fianco delle imprese italiane e dei territori affinché possano vincere la sfida sui nuovi fattori di competizione. Per questo, nell'ambito del Patto per l'Export voluto dal ministro Di Maio, abbiamo ridefinito i programmi delle nostre iniziative in direzione dell’e-commerce, della formazione di digital export manager, della digitalizzazione di fiere ed eventi come questo, e di una grande campagna di promozione del brand Italia".

Abbonati a Luxury & Finance per continuare a leggere l'articolo