• Economy

Borse europee rimbalzano, Milano +8,93%. Attesa per mosse Usa

Milano, 24 marzo (L&F) - Rimbalzano le piazze finanziarie europee, dopo le asiatiche questa mattina, e chiudono tutte su rialzi importanti. Milano segna +8,93% a 16.948,6 punti, Francoforte +11,49% a 9.745 punti; a Parigi il Cac 40 registra un progresso dell'8,39% a 4.242; Londra avanza del 9,24% a 5.460. Intanto viaggia in verde deciso anche Wall Street: il Dow Jones segna +9,38% e torna a scambiare sopra i 20mila punti. Lo S&P 500 avanza dell'8,26% e il Nasdaq segna +7,02%. 

Tra le blue chips milanesi, vola Exor e chiude a 43,39 euro segnando un progresso del 21,61%; Nexi avanza del 17,08%, Eni segna +14,93%. Tanti altri titoli registrano un rialzo double digit: Buzzi, StM, Leonardo, Mediobanca, Moncler, Fca, Generali, Ferrari e Ubi. La sola in rosso, colpita da prese di profitto, è DiaSorin. Sul fronte del lusso, oltre a Moncler, forte rimbalzo per Ferragamo che termina in rialzo del 7,57% a 13,78 euro. Brunello Cucinelli avanza del 10%, Geox +8,41%, Safilo +7,72%. In rosso Pininfarina e Italian Wine Brands. Pirelli termina in progresso del 3,52%. Dalle comunicazioni di internal dealing di oggi emerge che la Marco Polo International ha acquistato 2 milioni di azioni al prezzo medio di 3,6458 euro, passando a detenere il 45,72% per capitale sociale dal 45,52%. 

A Parigi vola Dior(+20,51%), Lvmh (+8,91%), Kering (+10,44%), Hermes (+6,26%), Essilux (+10,33%). A doppia cifra anche il rimbalzo di Zalando, Hugo Boss e Puma, quotati in Germania. brindano anche le britanniche Mulberry (+22,56%), Asos (+9.59%) e Burberry (+15,21%). 

Ora l'attesa è tutta sulle prossime mosse del governo americano, in attesa del possibile piano di stimoli da 2000 milardi di dollari e delle mosse del presidente Donald Trump, che dopo avere emanato linee guida sul distanziamento social, oggi scrive su twitter: "our people want to return to work. They will practice Social Distancing and all else, and Seniors will be watched over protectively & lovingly. We can do two things together. The cure cannot be worse (by far) than the problem". Staremo a vedere.

Abbonati a Luxury & Finance per continuare a leggere l'articolo