• Design

Calligaris chiude 2019 a 162,4 milioni di euro e rilancia Connubia come incubatore di talenti

Rosa Uliani, battuta d'arresto con coronavirus, ma buoni risultati già da 2021

Calligaris archivia il 2019 superando i 162,4 milioni di euro (+15,4%), grazie alla crescita organica ma anche come conseguenza di successive acquisizioni. Anche la redditività è migliorata, attestandosi a 26mln (+ 25,8%). Il gruppo sta per rilanciare il brand Connubia, che verrà presentato a breve con l'obiettivo di diventare un incubatore di talenti con il progetto digitale #connubity. Altro marchio in portafoglio, Ditre Italia, che come riflette il suo payoff #designwear è diventato un vero e proprio Atelier in grado di proporre imbottiti personalizzati di grande qualità. Infine la new entry: Luceplan. Un vero e proprio design-icon nel settore dell’illuminazione, che ha a catalogo veri e propri pezzi di storia del settore come la lampada Costanza e prodotti di ultima generazione con sofisticate applicazioni elettroniche e innovative soluzioni acustiche principalmente dedicate al settore contract. Un vero e proprio oggetto del desiderio per un pubblico esigente ed eterogeneo.

"L’ingresso del nuovo azionista, Alpha Group, ha permesso di rafforzare edaccelerare il percorso di crescita per linee interne ed esterne con il duplice obiettivo di offrire una collezione di prodotti sempre più completa e di qualità per soddisfare le richieste sia del canale residenziale che di quello contract e rafforzare la propria posizione di player internazionale nel settore arredo" sottolinea il gruppo.

"Sono molto soddisfatto dei risultati ottenuti nel mio primo anno di incarico", spiega Stefano Rosa Uliana, Ceo di Calligaris a partire da settembre 2018. "Il progetto che insieme al fondo Alpha abbiamo intrapreso è molto stimolante e, nonostante la battuta d’arresto forzata che abbiamo subito in questo inizio di 2020, ci aspettiamo - evidenzia - di ottenere buoni risultati già a partire dal prossimo anno grazie a tutte le novità messe in campo per tutti i brand del Gruppo".

 

Abbonati a Luxury & Finance per continuare a leggere l'articolo