• Fashion

Chiara Ferragni come Re Mida, dove arriva le azioni schizzano in alto

Monnalisa, Tod's, ora Safilo. Il mercato ha sempre reagito positivamente

Si potrebbe proprio dire che quel che tocca diventa oro. Prima bastava una foto postata su un social e la 'conversione' in vendite del fit indossato per il brand era immediata. Poi è arrivata la sua collezione di abbigliamento donna e accessori, quindi abbigliamento bambini. Oggi Chiara Ferragni siede nei consigli di amministrazione, quello di Tod's nello specifico, e ha appena firmato un accordo pluriennale con Safilo per il design, la produzione e distribuzione di una linea di occhiali. Ma cosa succede alle società con le quali viene a vario titolo in contatto? Vediamo la prima. Monnalisa. Il 23 novembre 2020 viene annunciato un accordo di collaborazione con la maison che produce abbigliamento per bambini, società quotata a Piazza Affari. Le azioni schizzano verso l'alto e la notizia dispiega i suoi effetti a lungo sull'andamento del titolo. In particolare nel giorno dell'annuncio, il titolo chiude con un progresso del 23% e il giorno dopo del 39,7% a 5,7 euro. Oggi il titolo, presente sull'Aim, viaggia a quota 3,8 euro, area intorno alla quale ha consolidato la sua crescita che mostra un performance annua pari a +35,66%. Del 9 aprile scorso l'annuncio che Chiara Ferragni entra nel board del Gruppo Tod's. La notizia viene accolta positivamente dai mercati: il titolo accelera al rialzo e chiude con un progresso del 14%. Oggi la capitalizzazione del gruppo è di 1,6 miliardi di euro e le azioni vendono scambiate a 46 euro contro i 30 precedenti alla notizia. Ora tocca a Safilo rimbalzare dopo che Chiara Ferragni ha firmato un accordo pluriennale per il design, la produzione e la distribuzione della prima collezione eyewear in licenza a marchio omonimo. L’intera gamma di occhiali, sia da sole sia da vista, verrà presentata per la Primavera Estate 2022 e sarà disponibile da gennaio 2022. “Siamo entusiasti di accogliere nel nostro portafoglio una delle più famose e influenti imprenditrici digitali al mondo”, ha dichiarato in proposito Angelo Trocchia, amministratore delegato del Gruppo Safilo. “Insieme vogliamo creare un nuovo marchio fashion di riferimento nell’eyewear che, attraverso il digital, sia in grado di parlare direttamente alle nuove generazioni, lavorando in sinergia con lo straordinario potere della fan base globale di Chiara per rafforzare ulteriormente la presenza di Safilo nell’universo digitale. Un brand che si inserirà perfettamente nel nostro portafoglio marchi e che rappresenta una significativa opportunità di crescita nel segmento contemporary”. Il titolo del campione dell'occhialeria è schizzato di oltre il 10% nella prima parte della seduta per poi decelerare e terminare a 1,86 euro, segnando un rimbalzo dell'8,14%.

Abbonati a Luxury & Finance per continuare a leggere l'articolo