• Food
  • Wines & Spirits

M&A nel Food&Beverage meno impattate dal Covid, +36,6% nel 2020.

PwC, in Italia Private Equity hanno un peso sempre maggiore

Le operazioni di M&A nel segmento Food & Beverage sono state quelle meno impattate dal Covid-19. In particolare nel 2020 il comparto ha visto un incremento del +36,3% a valore a fronte di una riduzione del 9,6% in termini di numero di operazioni M&A a livello globale rispetto all'anno precedente. In Italia, in particolare, l’attività ha segnato un -29,8% a volumi, ma un aumento del +206,7% a valore, grazie ad importanti tickets annunciati nei comparti da parte di big corporate. "Il settore Food & Beverage è uno dei fiori all’occhiello del made in Italy. In termini di numero di operazioni, il comparto è stato certamente impattato dalla pandemia, soprattutto per ciò che concerne la ristorazione ed il Food Service, ma in misura ridotta rispetto ad altri, dimostrando la sua resilienza rispetto ad altri segmenti", evidenzia Elena Borghi, Partner Deals Food & Beverage di PwC.

Abbonati a Luxury & Finance per continuare a leggere l'articolo