• Wines & Spirits

Masi Agricola non chiude, attività prosegue

Tutelati dipendenti con smart working, Cig e Fondo tutela salariale

Masi Agricola non ferma la produzione: rientrando nella qualificazione Ateco 11, ovvero industria delle bevande, non è soggetta all'obbligo di sospensione delle attività, secondo quanto stabilito dal Dpcm del 22 marzo scorso, finalizzato al contenimento del contagio da Covid-19. Lo rende noto il gruppo di Sant'Ambrogio di Valpolicella. Masi tiene a far sapere che società e controllate "mantengono la priorità di perseguire la stabilità economica e operativa, rapportandola ai volumi di attività in essere e tutelare l'occupazione dei propri dipendenti. Conseguentemente, oltre ad avere attivato forme di tutela come lo smart working e l'orario continuato in aiuto dei dipendenti con responsabilità genitoriali, Masi e Canavel Spumanti hanno attivato la Cig ordinaria e Masi Wine Experience il Fondo di integrazione salariale per il più ampio tempo consentito, pari a 9 settimane".

Nella foto: Sandro Boscaini, presidente di Masi Agricola

Abbonati a Luxury & Finance per continuare a leggere l'articolo