• Design

Roche Bobois, ricavi per 264,7 mln di euro nel 2019 (+6,9%)

Previsto forte incremento dei ricavi nel primo trimestre del 2020

Roche Bobois, gruppo di arredamento francese, quotato alla Borsa di Parigi, con due marchi in portafoglio (Roche Bobois e Cuir Center), archivia un 2019 di crescita con un fatturato di 274,7 milioni di euro, in aumento del 6,9% sull'anno precedente. Nel quarto trimestre, Roche Bobois il giro d'affari si attesta a 73,3 mln di euro (+6,1% rispetto all'anno precedente). Per quanto riguarda la ripartizione rispetto ai singoli mercati di riferimento, in Francia i ricvi sono stati di 23 milioni nel quarto trimestre; in Nord America 21,1 milioni, in crescita del 18,3% a cambi correnti; in Europa (esclusi Francia e Regno Unito) i ricavi del IV trimestre 2019 sono stati pari a 14,4 milioni di euro, in aumento del 23,1% a cambi correnti, "in gran parte alimentati dalla sostenuta crescita delle vendite dei negozi di proprietà in Svizzera, Belgio e Italia (sostenuta da due acquisti di negozi in franchising a Milano)" fa sapere la società. Il Regno Unito ha realizzato nel quarto trimestre 2019 ricavi per 6 milioni di euro. Nell'intero esercizio i ricavi nel Regno Unito sono cresciuti del 7,8% rispetto al 2018. "In Francia - sottolinea il gruppo - gli scioperi di fine anno non hanno frenato la crescita"; anzi, si evidenzia "un forte incremento delle vendite, in gran parte alimentato dalla campagna 8 jours Roche Bobois del novembre 2019". Per il futuro "il buon andamento delle vendite al dettaglio del quarto trimestre 2019 rafforzerà il fatturato del primo trimestre 2020.

Al 31 dicembre 2019 il gruppo possedeva 332 negozi (121 negozi di proprietà) di cui 253 negozi Roche Bobois (di cui 100 di proprietà) e 79 negozi Cuir Center (di cui 21 di proprietà), ma la strateia prevede ulteriori aperture: 4 di negozi di proprietà nel corso del 2020 in Portogallo (Lisbona 2), Stati Uniti (Minneapolis), Svizzera (Sion) e Germania (Colonia). Il Gruppo sta inoltre mantenendo il ritmo delle aperture di negozi in franchising da 5 a 10 all'anno. Per quanto riguarda le prospettive finanziarie, il Gruppo conferma i propri obiettivi: l'Ebitda continuerà a migliorare oltre il 9% del 2019 (prima dell'IFRS16), per raggiungere l'obiettivo di un Ebitda margin a due cifre entro il 2021. Inoltre, data l'impennata delle vendite al dettaglio nel quarto trimestre 2019, il gruppo prevede un forte incremento dei ricavi nel primo trimestre 2020.

Abbonati a Luxury & Finance per continuare a leggere l'articolo