• Holiday & Leisure

Il Cristallo di Cortina (Marriott International) tra i bike hotel di lusso

Il Cristallo di Cortina d'Ampezzo, 5 stelle lusso, che fa parte del brand The Luxury Collection lanciato da Marriott International (NASDAQ: MAR), è l’unica struttura ricettiva di Cortina, e una delle due in tutto il Veneto (la seconda è l'Hotel Terme Bristol Buja di Abano Terme), ad essere stata inserita nella collezione di bike hotel di lusso di www.luxurybikehotels.com. Il portale seleziona gli hotel che soddisfano i più elevati requisiti di eccellenza, soprattutto per gli amanti della bicicletta. I ciclisti possono concentrarsi sulla loro passione, immergendosi nei paesaggi fiabeschi delle Dolomiti, mentre il Cristallo Resort & Spa si occupa di tutti i dettagli logistici e organizzativi. La proposta bike dell’hotel prevede un servizio di noleggio di mountain bike, bici da strada, e-bike di ultima generazione e di ogni taglia, con seggiolini e carrelli per i bimbi, le tracce e i dati gps per orientarsi con facilità con il navigatore satellitare, tutta attrezzatura reperibile presso Snow Service, un vero punto di riferimento. Tra i vari servizi dell’hotel, ci sono l’area dove depositare le bici, la lavanderia, il massaggio sportivo, il transfer per l’aeroporto con trasporto bici incluso, il servizio di baby-sitting a disposizione dei genitori. Guide e accompagnatori esperti, come quelli di Dolomiti SkiRock, sono pronti a consigliare i ciclisti e ad accompagnarli in montagna. Tutto intorno, a Cortina, i biker trovano 500 km percorribili, con tracciati panoramici in alta quota, tra alpeggi e baite, discese per gli amanti del freeride, itinerari più rilassanti e adatti alle famiglie, bike park. Sono diversi, in particolare, gli itinerari suggeriti da Luxurybikehotels. Quello di 3 ore che unisce Cortina a Calalzo di Cadore verso sud o Dobbiaco verso nord, seguendo il percorso ciclabile che sorge sulla vecchia Ferrovia delle Dolomiti, costruita durante la Prima Guerra Mondiale e dismessa nel 1964. Un tragitto adatto anche ai bambini, che attraversa boschi, laghi, gallerie ed antiche stazioni. Più difficile il percorso ad anello di 4 ore che tocca il rifugio Averau, la Forcella Nuvolao e il Passo Giau, con più di 1500 metri di dislivello. Per i più esperti c’è un itinerario estremamente tecnico e complesso che conduce fino all’Alta Badia, e che regala grandi soddisfazioni: l’occasione per ammirare, passando, il Museo a cielo aperto della Grande Guerra, passo Falzarego, passo Giau, la muraglia Giau.

Abbonati a Luxury & Finance per continuare a leggere l'articolo