• Economy

Ben intonato il lusso a Piazza Affari, Lvmh a Parigi fa +6,84%

Ben intonato il lusso a Piazza Affari e in generale nelle piazze europee. A dare fiducia i numeri di Lvmh rilasciati ieri che indicano un netto miglioramento nel terzo trimestre dell'anno, con una contrazione del solo 7% a 11,955 mld, dopo che i primi nove mesi dell'anno hanno chiuso con un giro d'affari di 30,3 mld di euro, in calo del 21%. Le azioni del colosso del lusso francese mostrano un incremento del 6,84%. Sugli scudi anche il titolo Christian Dior che registra un progresso dell'8,09%. Kering avanza del 3,56%. A Milano, mentre il Ftse Mib, l'indice delle blue chips, si muove con un progresso dello 0,54%, riportandosi a 19.167 punti, ai livelli dell'avvio dopo avere azzerato il rialzo alle 9,30, il lusso corre. Gismondi 1754 segna +6,85%. Ieri in tarda serata è stato pubblicato il dato relativo ai ricavi dei primi nove mesi dell'anno che mostra un progresso del 7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno a 3,468 milioni di euro. Moncler avanza del 3,25%, Ferrari segna +2,93%, Brunello Cucinelli +2,52%, Tod's +1,46%, Ferragamo +2,1%. Ieri la maison fiorentina ha annunciato l'avvio di un programma di customizzazione della calzatura Tramezza grazie alla piattaforma Cloud Microsoft Azure e al visore per la realtà mista HoloLens 2. A Londra in progresso Burberry che avanza del 2,86%. Per la casa di moda inglese l'avvio di un programma con Ibm che ha portato alla ideazione di un prototipo con Ibm per tracciare la vita dei prodotti, anche dopo la loro dismissione.

Abbonati a Luxury & Finance per continuare a leggere l'articolo